Sant’Orante (28 Settembre)

Un giorno, uscito per chiedere elemosina, nonostante la febbre che lo aveva colpito e con il corpo completamente gonfio, tornò in chiesa e la trovò chiusa poiché il sagrestano, non vedendo l’eremita, aveva serrato a chiave la porta.
Il Santo, non potendo rientrare restò all’aperto, si pose in ginocchio a pregare su alcuni sterpi secchi di vite e morì: era la notte del 5 marzo 1431 di un inverno particolarmente freddo. La mattina successiva trovarono l’eremita sul fascio di sarmenti che non erano più secchi, ma avevano messo foglie e grappoli d’uva.

Commenti chiusi.